Pubblicato il Lascia un commento

Neu! SVETOCH LED-Modul 96 LED 2835

Das LED-Modul 96 LED 2835 ist speziell für Leuchten der “SVETOCH UNIVERSE PLANE” Serie konzipiert, kann aber absolut überall eingesetzt werden. Die vielen Bohrungen machen die Montage des Moduls am Kühlkörper schnell, einfach und bequem.

LED Modul – SVETOCH LED96 2835
LED Modul – LED96 2835, Aluminiumplatine

Die Platine besteht aus 4 parallelen Reihen mit 24 Dioden des Hersteller SAMSUNG. Empfohlene Betriebsstrom von 350 – 700 mA.

LED Modul – SVETOCH LED96 2835
SVETOCH UNIVERSE PLANE Leuchte mit LED Modul – SVETOCH LED96 2835
Pubblicato il Lascia un commento

Nuova linea di sviluppo 90 per interni

Abbiamo ampliato la nostra gamma. Ora possiamo offrire con orgoglio un profilo di alluminio LED che è perfetto per l’utilizzo in uffici, locali commerciali, corridoi e padiglioni. Nonostante l’assenza delle costole di raffreddamento dimostrato, vi è abbondanza di alluminio per raffreddare sufficientemente LED. SVETOCH LINE 90-progettato chiaro, semplice e senza tempo. Provata è stata mantenuta. I moduli LED e le strisce possono essere facilmente fissati nelle rotaie di guida. Un’altra rotaia di guida permette un collegamento rapido e facile e diversificato. Avvitamento diretto, attaccamento alle funi, clip o il nostro muro e parete di fissaggio a soffitto 360 sono possibili.

Profilo in alluminio linea SVETOCH 90 con montaggio e cappa fine per fulmini LED
Profilo in alluminio linea SVETOCH 90 per LED-Lightning con binario di guida per montaggio a parete
Pubblicato il Lascia un commento

SVETOCH al 24 INTERLIGHT Mosca

Vorremmo inviare saluti a tutti i visitatori al nostro stand al 24 INTERLIGHT di Mosca. E coloro che non c’erano ci auguriamo di incontrare il prossimo anno.

Interlight Moscow è una fiera internazionale per l’illuminazione decorativa e tecnica e probabilmente la piattaforma più importante per i contatti con le aziende dell’Europa dell’Est e della Russia. Qui uno scambio di innovazioni e partnership spesso durature sono chiuse. In questa fiera, è possibile un contatto interregionale con produttori e distributori russi per tutti i componenti concepiti a LED fuori dall’Europa. E questa opportunità non è stata presa da più di 300 aziende di oltre 23 paesi di quest’anno. L’esuberante atmosfera allegra è evidente a tutti. Kurzwei-degno e le conversazioni approfondite permettono che il tempo passi.

Le tematiche di prodotto in questa fiera spaziano dall’illuminazione per esterni all’illuminazione per soggiorno controllata a distanza, illuminazione per interni, illuminazione, accessori per l’illuminazione e illuminazione stradale. Tutte le industrie di illuminazione da illuminazione come l’ingegneria elettrica, energia e tecnologia illuminotecnica sono anche coperti.

Se sei più curioso, sfoglia i nostri prodottio contattaci e siamo sicuri di trovare la soluzione migliore per te!

Il tuo team SVETOCH

Pubblicato il Lascia un commento

Ulteriore sviluppo sul profilo SVETOCH MINI

“Chi riposa, chi si precipita…” Essere buoni non è sufficiente. La volontà di ottenere una migliore è la nostra unità. Con il nostro profilo in alluminio LED SVETOCH MINI, ci siamo resi conto che poteva essere ottimizzato. I nostri tecnici e progettisti hanno rivisto il profilo. Ora l’interno è così grande che i driver più comuni possono essere installati all’interno del profilo. Specialmente nell’area interna, gli apparecchi di illuminazione sono più accattivanti quando i componenti tecnici possono essere installati all’interno. Questo è ora possibile anche con il nostro ultimo profilo in alluminio SVETOCH MINI. Godetevi il montaggio! Vi piacerà il prodotto ancora di più ora.



Pubblicato il Lascia un commento

Che cosa scegliete il alimentatore di destra del LED per? Qual è il alimentatore giusto?

LED Alimentatore OSRAM - OT FIT 50 220-240 350 D L per componenti LED SVETOCH

Guida alla scelta del alimentatore di destra del LED. Contiene i punti di base che dovrebbero essere considerati quando selezionano un alimentatore del LED nell’applicazione. Ecco alcune informazioni di base sui punti fondamentali per aiutare l’utente a prendere la decisione giusta e la scelta.

LED DIP chip (dual in-line package)

Il doppio pacchetto in-linea (dual in-line package) LED è le lampadine originali tradizionali del LED.

Anche se i chip DIP sono ancora in uso oggi, hanno efficienza molto inferiore rispetto ai chip più recenti LED utilizzati per le applicazioni moderne. Essi sono più comunemente utilizzati in elettronica.

Un chip LED DIP tipicamente produce circa 4 lumen per LED, molto meno dei chip più recenti e viene utilizzato in semplice spina e la superficie di assemblaggio.

Chip LED SMD

SMD sta per “Surface Mounted diodo” e sono molto più piccoli e più efficienti LED rispetto ai chip originale DIP. Sono diventati indispensabili a causa di una vasta gamma di possibili applicazioni e sono tipicamente montati e saldati su un circuito stampato (modulo). I circuiti integrati di SMD sono diventato molto importanti per lo sviluppo dell’industria del LED, poichè 3 diodi possono essere accomodati sullo stesso circuito integrato.

Oltre alla luminosità significativamente più efficiente, possono anche cambiare il colore. Alcuni dei circuiti integrati del LED possono ora essere prodotti così piccolo che sono installati nell’elettronica di fascia alta quali le luci di controllo del telefono mobile.

Essi sono utilizzati anche come chip standalone prevalentemente in strisce LED o faretti LED e nel settore sui moduli LED.

I chip SMD possono generare tra 50 e 100 lumen per watt. Questo è molto più efficiente per il chip DIP.

Chip del COB del LED

COB (chip a bordo) LED è un chip in pelle ad alte prestazioni (LED ad alta potenza). Un chip COB ha diversi diodi installati internamente, in genere più di 9. COB semplificato può essere descritto in modo tale che diversi chip SMD sono installati su una scheda e quindi generare significativamente più luce a causa del design speciale.

Chip COB sono utilizzati in molti dispositivi diversi. In piccoli dispositivi come fotocamere e smartphone, questo è dovuto al conteggio lumence elevato, che richiede poca energia.

Spesso i chip PANNOCCHIa LED sono utilizzati in proiettori e LED ad alte prestazioni fari e faretti. Poiché i disegni differenti sono possibili con i circuiti integrati della PANNOCCHIa, molto lumen può essere prodotta per il watt, che sono solitamente bene oltre 100 lm/W.

Le applicazioni combinate di chip SMD o COB sono utilizzate in matrici LED (LED singoli o multipli premontati su un circuito stampato), strisce LED (per uso lineare a LED) e moduli LED con mini alimentatore direttamente installati (motori a luce LED).

Corrente costante vs tensione costante

I alimentatore utilizzano una corrente costante (CC) o una tensione costante (CV) o entrambe. Questo è uno dei primi punti che deve essere preso in considerazione nel processo decisionale. Ciò dipende dal LED o dal modulo LED da controllare. Le informazioni possono essere trovate sul foglio dati del LED.

Qual è Constantstrom?

Constantstrom (anche CC per costante) i alimentatore a LED mantengono una corrente elettrica costante (A) avendo una tensione variabile (V). I alimentatore CC sono spesso la scelta preferita per le applicazioni LED. I alimentatore CC LED possono essere utilizzati su singole luci o LED commutati in serie. Lo svantaggio è che se il percorso di commutazione viene interrotto ad un certo punto, i LED rimanenti non funzioneranno più. Tuttavia, i alimentatore correnti costanti forniscono generalmente il migliore controllo e sono più efficienti dei alimentatore con tensione costante.

Qual è la tensione costante?

I alimentatore luminosi con tensione costante (CV) sono alimentatori. Hanno una tensione fissa che consegnano al circuito elettronico. È possibile utilizzare CV LED alimentatore per eseguire più LED in parallelo, per esempio con strisce LED. CV alimentatori possono essere utilizzati su strisce di LED che hanno resistenza al limite di potenza, che è di solito il caso. L’uscita di tensione deve soddisfare i requisiti di tensione dell’intera catena LED.

I alimentatore CV possono essere utilizzati anche su motori a luce LED che hanno installato un alimentatore IC.

Qual è Constantstrom e qual è la tensione costante?

Alcuni alimentatore LED possono offrire entrambe le possibilità (CV e CC). Per impostazione predefinita, funzionano come CV, ma quando la corrente di uscita supera il limite di corrente faccia, si passa a una modalità CC. Questa funzione è adatta per applicazioni che richiedono un alimentatore LED flessibile.

Quando è necessario utilizzare i alimentatore CV-o CC (eccezioni possibili)?

Constantstrom (CC) Tensione costante (CV)
Faretti LED/luci incorporateLED paralleli
Illuminazione dell’ufficioStrisce LED
Residenziale illuminazione a LEDLED Light Engines
Indicatore luminoso di umoreSpostamento di segni/caratteri
Illuminazione al dettaglio/commercialeIlluminazione scenica
Illuminazione di intrattenimentoIlluminazione architettonica
LED segniLampioni
LampioniIlluminazione inDiretta (cartongesso)
High Bay
Illuminazione esterna
Illuminazione architettonica
Strisce LED (LED ad alta potenza)
Illuminazione del posto di lavoro

Fattori da considerare:

Corrente in outsourcing (mA)

Quando si utilizza un alimentatore LED a corrente costante, deve essere adattato alle esigenze dei LED selezionati. I valori di potenza di alimentatore e LED devono corrispondere. Le schede dati dei LED indicano quali valori di potenza sono necessari. Il valore è dato in ampere (A) o milliampers (mA). 1 A sono 1000 mA.

Ci sono anche i alimentatore di potenza costante variabile e selezionabile. Ci sono alimentatore di potenza costante sia nel campo da 0 a 500 mA o in valori fissi come 350 mA, 500 mA, 700 mA, 1050 mA e altro ancora. I LED devono corrispondere a questi valori scelti.

I LED devono essere azionati alla corrente più bassa possibile per prolungare la durata della vita e aumentare l’efficienza lm/W. Quando si utilizza più potenza, i LED di solito si usurano più velocemente. Si consiglia quindi di pensare di utilizzare insieme più moduli LED e quindi di ridurre la rispettiva forza di corrente. Come regola generale, le schede di dati LED mostrano la diversa efficienza in LM/W con elettricità diversa.

Potenza di partenza (W)

Questo valore è dato in watt (W). I alimentatore del LED dovrebbero funzionare almeno lo stesso valore dei LED.

Il alimentatore dovrebbe avere un output di output superiore di almeno. 10% per avere riserve di potenza per l’esecuzione dei LED. Se l’alimentazione del alimentatore è la stessa della potenza del LED, il conducente sarebbe a piena occupazione tutto il tempo. Con piena utilizzazione di potenza, questo ridurrebbe la durata del conducente. La durata della vita è un fattore decisionale aggiuntivo importante quando si utilizzano e gestiscono correttamente i alimentatore .

Il requisito di prestazioni dei LED è dato basicamente come valore medio. Ciò significa che i LED richiedono un +/-rabance Dance in performance. Di conseguenza, è importante accertarsi che il alimentatore possa soddisfare un requisito di prestazioni aumentato possibile.

Tensione di uscita (V)

Questo valore è dato in volt (V). Nel caso di alimentatore a tensione costante, la tensione deve essere identica a quella fornita dal LED. Con più LED, i valori di tensione vengono aggiunti ad un valore totale. In caso di corrente costante, la tensione deve essere superiore a quella dei LED.

Speranza di vita

L’aspettativa di vita dei conducenti è data in ore. Ciò è correlato al tempo medio di funzionamento (MTBF = mean time between failures). Sulla base di questo valore, i alimentatore devono essere confrontati anche quando si effettua una decisione di acquisto. Il giusto funzionamento può estendere la durata della vita. Ciò riduce i tempi/costi di manutenzione.

Va ricordato, tuttavia, che si tratta di un valore statistico. Mentre questo è un indicatore di confrontare i diversi prodotti. Tuttavia, è necessario sapere che il valore viene determinato come segue. Fondamentalmente, i sintomi di avvertimento di guasto dei singoli componenti sono riassunti. D’altra parte, le informazioni dovrebbero essere suddivise in tre aree in termini reali: 1. “interruzioni precoce”, 2. “durata utile” e 3. “sezione di fine-tempo.” L’MTBF di solito specifica solo la sezione centrale. Questo Elimina “problemi di dentizione” e “effetto invecchiamento”. Di conseguenza, l’MTBF può essere generalmente specificato con diversi milioni di ore.

Pubblicato il Lascia un commento

Divieto di lampade alogene a bassa tensione e lampade HV dal 1 ° settembre 2018

Come di 01.09.2018, la vendita di lampade alogene a bassa tensione e lampade HV è vietato. Vi forniamo le informazioni di base più importanti.

L’Unione europea (UE) ha stabilito che il consumo di energia dovrebbe essere gradualmente ridotto, proteggendo in tal modo l’ambiente. E il divieto di utilizzare il mercurio negli apparecchi di illuminazione è progettato per garantire una maggiore sicurezza.

Di conseguenza, il LED sta diventando un must obbligatorio in tutta Europa. Tuttavia, i costi sono spesso ammortizzati dopo circa 3 anni e la durata di vita è di solito tutt’altro che finita.

Light-Bulb-2604119_1920. png

Ma ora lo sfondo. L’UE ha introdotto il cosiddetto divieto della lampadina nel 2009. Molti ricordano i successivi acquisti criceto quasi panico di lampadine a incandescenza. Di conseguenza, lo sviluppo e la vendita di LED e tubi fluorescenti è stato massicciamente avanzato. Il divieto è stato eliminato. In questo modo, l’UE sta attivamente cercando di ridurre i consumi energetici nei settori privato e commerciale. Come con “il divieto incandescente della lampadina” in 2009, le scorte residue possono continuare ad essere vendute ed usate. Dal 2016, il divieto di vendita è stato esteso a molti tubi fluorescenti. Questi devono essere vietati a titolo onvero sotto la “direttiva ecoDesign” dal 2020. Il motivo qui è il mercurio estremamente tossico. Come la domanda per l’efficienza della lampadina aumenta allo stesso tempo, da 2020 solo tubi fluorescenti T5, più efficienti lampade alogene a vapore metallico e bassa pressione lampade a vapore di sodio e, naturalmente, LED (1) sarà disponibile per noi.

Come di 01.09.2018, la vendita di tutte le lampadine alogene e incandescenti è vietato, l’efficienza di cui è peggio della classe B. Le eccezioni sono chiare lampade alogene con zoccoli R7s o G9. Inoltre, il regolamento elenca, tra le altre cose, le seguenti eccezioni:

Le prescrizioni del presente regolamento non si applicano alle seguenti lampade per uso domestico e speciale

  • Lampade con luce in bundle
  • Lampade con un flusso di luce sotto 60 lumen o oltre 12.000 lumen
  • Lampade fluorescenti senza alimentatori incorporati
  • Lampade a scarica ad alta pressione

Va notato che i tubi fluorescenti devono essere raccolti e smaltiti correttamente durante l’adattamento al LED. A causa del tenore di mercurio, tubi fluorescenti non sono ammessi in rifiuti domestici o contenitori di vetro. La consegna di vecchi tubi fluorescenti è possibile nei seguenti posti:

  • I rivenditori devono riportare questo prodotto, ma naturalmente l’acquisto precedente deve essere documentato
  • Supermercati e drogherie offrono spesso punti di raccolta per le lampadine
  • Cantiere riciclabile locale

Se una rottura del tubo fluorescente, cautela dovrebbe essere mantenuta in ogni caso. Se un tubo fluorescente è rotto, si consiglia la ventilazione immediata della stanza, assolutamente evitare il contatto con la pelle, indossare guanti alla rimozione, invece di usare la mano spazzare un pezzo di cartone per riunire, raccogliere altre schegge con panno umido e assorbire tutto Lasciare essere riciclati professionalmente in un recipiente sigillabile presso il cantiere riciclabile. I guanti usati, indumenti pesantemente sporchi, panni usati, ecc dovrebbero anche essere alimentati alla spazzatura.

Definizione:

Direttiva UE: i singoli Stati membri possono decidere autonomamente come attuare le direttive UE. Quindi c’è qualche margine di manovra nell’attuazione.

Regolamento UE: essi sono direttamente efficaci e vincolanti per ciascuno Stato membro e devono essere attuati.

Fonti:

Regolamento (CE) n. 244/2009 dell’UE

Regolamento (CE) n. 245/2009 dell’UE

Regolamento 2012/1194/CE dell’UE

Direttiva UE 2005/32/EG

1: https://www.gluehbirne.ist.org/gluehbirnenverbotzeitplan.php

Pubblicato il Lascia un commento

Raffreddamento e gestione termica di LED ad alta potenza

Grafik Thermal Management

I diodi luminescenti ad alta potenza (LED ad alta potenza) possono essere 350 milliwatt o più forti in un singolo LED. La maggior parte dell’energia in un LED viene convertita in calore piuttosto che in luce (circa 70% di calore e 30% di luce). Se questo calore non può essere dissipato, i LED si illuminano a temperature molto elevate. Questo non solo abbassa l’efficienza, ma riduce anche la durata della vita del LED. Pertanto, la gestione termica dei LED ad alta potenza è uno spazio essenziale di ricerca e sviluppo. È necessario limitare la temperatura di giunzione di un valore che garantisce la durata desiderata del LED.

Trasferimento di calore

Per mantenere una temperatura bassa dello strato della serratura che effettua l’alta potenza di un LED, tutta la possibilità di rimozione di calore dai LED dovrebbe essere considerata. Conduzione di calore (riduzione), rimozione di calore da aria (convezione) e radiazione sono le tre possibilità per il trasferimento di calore. Tipicamente, i LED sono incapsulati in una resina trasparente, che è un conduttore di calore difettoso. Quasi tutto il calore generato viene passato attraverso la parte posteriore del chip. Il calore è generato dalla transizione di p-n da energia elettrica che non è stata convertita in luce utile. Raggiunge il punto di saldatura attraverso una lunga distanza dal punto di connessione, il punto di saldatura al circuito stampato e il circuito stampato al dissipatore di calore e viene poi indirizzato verso l’atmosfera dell’ambiente esterno.

La temperatura dello strato di barriera è più bassa se l’impedenza termica è più piccola o la temperatura ambientale è più bassa. Per massimizzare l’intervallo di temperatura ambiente utilizzabile per una determinata prestazione di perdita, la resistenza termica totale dal punto di connessione all’ambiente deve essere minimizzata.

I valori di resistenza termica variano notevolmente a seconda del materiale e dei componenti adiacenti. Ad esempio, RJC ( strato barriera di resistenza termica all’alloggiamento) va da 2,6 ° c/W a 18 ° c/w a seconda del produttore del LED. La resistenza termica del materiale di conduzione termica (anche TIM: materiale di interfaccia termica) varia anche a seconda del tipo di materiale selezionato. Tiranti Tim sono epossidiche, pasta termica, adesivo e Lot. I LED ad alta potenza sono spesso montati su circuiti di metallo Core (MCPCBs) collegati ad un radiatore. Il calore passato attraverso la piastra metallica del modulo ed il radiatore termoconduttore allora è dissipato dalla convezione e dalla radiazione. Oltre alla progettazione e alla progettazione del corpo refrigerante, la qualità e l’uniformità superficiale di ogni componente, la pressione, la superficie di contatto, il tipo di materiale di conduzione termica e lo spessore sono. Questi sono parametri per la resistenza al calore o il raffreddamento del LED attraverso la rimozione del calore.

Raffreddamento passivo

Fattori di raffreddamento passivo per una gestione efficiente del calore dei LED ad alta potenza sono:

Conduttore termico

Il conduttore termico viene normalmente utilizzato per collegare il LED alla scheda e alla scheda al radiatore. L’utilizzo di un conduttore termico può ulteriormente ottimizzare la resa termica.

Dissipatore

I dissipatori di calore contribuiscono significativamente alla rimozione di calore. Funziona come un conduttore che dirige il calore dalla fonte del LED al mezzo esterno. I dissipatori di calore possono dedurre l’energia in tre sensi: conduzione di calore (riduzione: trasferimento di calore all’interno di o da un solido ad un altro), convezione (trasferimento di calore da un solido ad un liquido commovente, per la maggior parte delle applicazioni del LED è Il fluido l’aria ambiente) o radiazione (trasferimento di calore di due corpi di diverse temperature superficiali attraverso radiazioni di calore).

  • Materiale:

La conducibilità termica del materiale che compone il radiatore interessa direttamente la prestazione di perdita della conduzione termica. Normalmente, l’alluminio viene utilizzato a causa del ottimo rapporto qualità-prezzo. Nel caso dei raffreddatori piani, il rame è usato spesso, malgrado l’alto prezzo d’acquisto. I nuovi materiali includono i termoplastici, che sono usati quando i requisiti di dissipazione di calore sono più bassi del normale (per esempio spesso nei requisiti domestici) o le figure complesse nel processo della fusione dello spruzzo hanno significato. Le soluzioni di grafite hanno spesso un trasferimento termico più efficace (non conduzione termica) rispetto al rame con un peso inferiore rispetto all’alluminio. Graphite è considerata una soluzione di raffreddamento esotico ed è più costoso da produrre. I tubi di calore possono anche essere aggiunti ai refrigeratori di alluminio o rame per ridurre la resistenza di dispersione.

  • Forma:

Il trasferimento di calore avviene sulla superficie del refrigeratore. Di conseguenza, i dissipatori di calore dovrebbero essere progettati per avere una grande superficie. Questo può essere ottenuto utilizzando un gran numero di nervature sottili o allargando il radiatore stesso.
Anche se una superficie più grande porta a migliorare le prestazioni di raffreddamento, ci deve essere spazio sufficiente tra le nervature per creare una notevole differenza di temperatura tra la costola di raffreddamento e l’aria ambiente. Se le nervature sono troppo vicine l’una all’altra, l’aria in mezzo può avere quasi la stessa temperatura delle nervature, in modo da nessun trasferimento di calore avviene. Di conseguenza, più nervature di raffreddamento non portano necessariamente a una maggiore potenza di raffreddamento.

  • Texture:

La radiazione di calore dei raffreddatori è una funzione della struttura di superficie, particolarmente alle più alte temperature. Una superficie verniciata ha un livello di emissione maggiore di una superficie luminosa e non verniciata. L’effetto è più notevole per i raffreddatori poco profondi, in cui circa un terzo di calore è dissipato tramite radiazione. Inoltre, una superficie di contatto piana ottimale consente l’utilizzo di una pasta di conduzione termica più sottile, che riduce la resistenza al calore tra il dissipatore di calore e la sorgente LED. D’altra parte, anodizzazione o acquaforte riduce anche la resistenza termica.

  • Metodo di installazione:

I fissaggi del corpo di raffreddamento con le viti o le piume sono spesso migliori delle clip convenzionali, del conduttore termico o del nastro. Per il trasferimento di calore tra sorgenti LED oltre 15 watt e raffreddatori a LED, si consiglia di utilizzare un materiale di interfaccia ad alto calore conduttivo (TIM) che ha una resistenza al calore sopra l’interfaccia di meno di 0,2 K/W. Attualmente, il metodo più comune utilizzato è un materiale di cambiamento di fase che viene applicato a temperatura ambiente sotto forma di un cuscino solido, ma poi si converte in un liquido denso gelatinoso non appena si alza sopra 45 º C.

Tubi di calore e camere a vapore

Tubi di calore e camere a vapore hanno effetti passivi e le loro capacità di conduttività termica sono molto efficaci da 10.000 a 100.000 W/mK. Offrono i seguenti vantaggi nella gestione del calore a LED:

  • Trasporta il calore ad un altro radiatore con la goccia minima di temperatura
  • Isothermizes il controllo termico attraverso Convezione naturale, aumentando l’efficienza e riducendo le dimensioni. Si tratta di un caso noto in cui l’aggiunta di cinque tubi di calore ha ridotto la massa del conflusso termico di 34% da 4,4 kg a 2,9 kg.
  • L’alto flusso di calore direttamente sotto un condotto efficientemente in un flusso di calore più basso, che può essere dissipato più facilmente.

PCB (stretto: circuito stampato)

  • Mcpcb:

MCPPCB (Metal Core PCB) sono tavole che contengono un materiale metallico di base per la distribuzione del calore come parte integrante del circuito stampato. Il nucleo di metallo consiste solitamente di una lega di alluminio. MCPCB ha il vantaggio di uno strato del polimero dielettrico con un’alta conduttività termica.

  • Separazione:

La separazione del circuito driver LED dalla scheda LED impedisce che il calore generato dal conducente aumenti la temperatura dello strato di blocco del LED.

Rivestimento in platino

  • Processo additivo:

Sui PCB, le sostanze conduttive vengono applicate al materiale portante durante il processo produttivo per la creazione di superfici strutturali conduttive. Il conduttore viene applicato solo all’immagine della traccia del conduttore predeterminato. In opposizione, questo è inciso via nel processo sottrattivo. Fondamentalmente, c’è un collegamento diretto al radiatore in alluminio; Ad esempio, per il circuito non è necessario alcun materiale aggiuntivo per il collegamento termico. Questo riduce gli strati di calore-conduzione e la superficie di calore. Fasi di lavorazione, tipi di materiali e quantità di materiale sono ridotti.

Lastre in alluminio (conosciute anche come circuiti IMS per subStrati metallici isolati)-aumenta il collegamento termico e fornisce un’alta tensione di penetrazione dielettrica. I materiali tollerano il calore fino a 600 ° C. I circuiti sono direttamente attaccati ai substrati di alluminio, quindi non sono necessari materiali di conduzione termica. Il collegamento termico migliorato può ridurre la temperatura dello strato di serratura del LED fino a 10 ° C. Ciò consente allo sviluppatore di ridurre il numero di LED necessari su una scheda aumentando le prestazioni per ogni LED. Può anche ridurre la dimensione del substrato per soddisfare le limitazioni dimensionali. È stato dimostrato che una riduzione della temperatura di transizione aumenta notevolmente la durata della vita del LED.

Fattore di forma

  • Flip chip:

Il circuito integrato del LED è montato con la parte anteriore giù sul supporto, che è fatto solitamente di silicone o di ceramica ed è usato come distributore di calore e substrato dell’elemento portante. La connessione flip-chip può essere eutettica, piombo, non piombo o oro stub. La sorgente luminosa primaria viene dal retro del chip LED. Uno strato riflettente è solitamente costruito tra l’emettitore di luce e i siti di saldatura per riflettere la luce emessa verso il basso. Parecchie aziende usano i casi del flip-chip per il loro LED ad alta potenza, riducenti la durevolezza termica del LED da circa 60%. Allo stesso tempo, l’affidabilità termica sarà mantenuta.